Stagione Teatrale 2018-2019

Stagione Teatrale 2018-2019

Stagione Teatrale 2018 - 2019

Grandi Classici di Cinema, Teatro, Musica e Letteratura nelle riletture originali di artisti contemporanei: al via la nuova stagione del Cinema Teatro Dante di Sansepolcro.

Cinema Teatro Dante

Ci sono opere cardine della storia della letteratura, del teatro, del cinema e della musica nel nuovo cartellone del Cinema Teatro Dante di Sansepolcro.

Ma per avvicinare alla nostra sensibilità questi testi senza tempo, grandi artisti contemporanei li hanno riletti e reinterpretati, mantenendo i contenuti originali con il linguaggio incisivo e sferzante del teatro di oggi.

Fra loro: Stefano Accorsi, Vinicio Marchioni, Veronica Pivetti e Alessandro Riccio. E non mancano spettacoli comici e leggeri di autori e interpreti come Tullio Solenghi, Massimo Lopez o Ascanio Celestini.

Si aprirà mercoledì 24 ottobre, presso la Biblioteca Sansepolcro (via XX settembre 131, dalle ore 15), la campagna abbonamenti, per una stagione che nasce dalla collaborazione fra Fondazione Toscana Spettacolo onlus – primo circuito multidisciplinare in Italia – con il Comune di Sansepolcro.

Un viaggio nei classici e non solo per riflettere su temi eterni come le sofferenze d’amore, il valore della famiglia, le insoddisfazioni della vita. Forti emozioni e riflessioni, ma sempre accompagnate da una certa dose di ironia e leggerezza.

E continuano a crescere i numeri relativi all’apprezzamento del pubblico in sala. La media delle presenze ha raggiunto, nell’ultima stagione, l’88% della capienza (370 posti): un aumento ininterrotto dal 2014 (+73%), che ha registrato anche un +5% rispetto alla stagione precedente.

Analoga la progressione degli abbonamenti: nell’ultima stagione sono stati 286, registrando un +151% dal 2014, e un + 20% rispetto alla stagione precedente.

Gli Spettacoli

Ad aprire la stagione– martedì 13 novembre (ore 21, come per tutti gli spettacoli), Veronica Pivetti con Viktor und Viktoria, una commedia musicale, liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel.

Nella Berlino degli anni Trenta, Viktoria, talentuosa cantante disoccupata,si finge Viktor per conquistare le platee.

Ma il suo fascino androgino scatenerà presto curiosità e sospetti. Tra battute di spirito e divertenti equivoci, va in scena la critica ad una società bigotta e superficiale (la nostra?) sempre pronta a giudicare dalle apparenze.

 

Con Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show – mercoledì 12 dicembre – i due attori portano in scena uno spettacolo all’insegna del divertimento, della comicità, dell’emozione. Di nuovo insieme dopo quindici anni, danno vita ad una scoppiettante carrellata di sketch, voci, imitazioni, canzoni, improvvisazioni e risate.

Si calano nei panni di un Papa Bergoglio che incontra Papa Ratzinger, o di Gino Paoli che duetta con Ornella Vanoni, fino alla loro celebre imitazione di Dean Martin e Frank Sinatra.

 

In cartellone anche Ascanio Celestini che lunedì 14 gennaio propone un viaggio attraverso tre suoi spettacoli.

Con la Ballata dei senza tetto l’artista porta in scena personaggi di Laika, Pueblo e di un terzo lavoro ancora in fieri. Ecco allora un barbone, una cassiera, o la vecchia che va a fare la spesa insieme ad una prostituta. Accompagnato come sempre dalle musiche live di Gianluca Casadei, Celestini smonta i racconti dei tre spettacoli come un mazzo di carte dal quale pescare ogni volta figure diverse.

 

Vinicio Marchioni firma la regia di Uno zio Vanja, di cui è anche protagonista al fianco di Francesco Montanari (giovedì 31 gennaio).

Il capolavoro di Anton Čechov viene ora adattato da Letizia Russo, che lo catapulta nell’Italia di oggi, e messo in scena con attenzione ai nuovi linguaggi del teatro contemporaneo. In scena, la malinconica tragedia delle occasioni mancate, delle aspirazioni deluse di un gruppo accomunato da legami di parentela o dal semplice caso, che parla molto e fa molto poco per sfuggire a una condizione di cui è insoddisfatto.

 

A seguire, giovedì 7 febbraio, la storica compagnia lucchese del Teatro del Carretto propone Ultimo Chisciotte.

Il romanzo di Miguel de Cervantes viene adattato e messo in scena dalla fondatrice della compagnia, Maria Grazia Cipriani,che si concentra sulla figura di Sancho Panza.

Qui, è un giovanissimo “servo di scena”, che cerca di capovolgere i valori del padrone dimostrando che ogni linea dritta nasconde un rovescio storto. Ma finirà per avvicinarsi alle idee del maestro, come un discepolo che ha imparato e amato una lezione, fino a farsi lui stesso “ultimo Chisciotte”.

 

Non manca Stefano Accorsi, che mercoledì 27 febbraio presenta Giocando con Orlando Assolo.

Il poema di Ludovico Ariosto viene riletto e messo in scena da Marco Baliani, concentrandosi sul tema dell’amore in tutte le sue declinazioni, attraverso l’interminabile inseguimento di Angelica da parte di Orlando. Solo in scena, con una scenografia di Mimmo Paladino, Accorsi ci trasporta in un mondo abitato da dame in pericolo e cavalieri senza paura, in un rocambolesco viaggio dalla Francia di Carlo Magno fin sulla luna.

 

Per rileggere l’opera di Mozart, Alessandro Riccio porta in scena, Ti racconto Don Giovanni (giovedì 14 marzo).

Accompagnato da un ensemble di dieci musicisti dell’Orchestra della Toscana, l’attore si trasforma continuamente per incarnare molti dei personaggi dell’opera, truccandosi in scena e vestendosi con sontuosi costumi, cambiando voce, corpo, personalità.

Non mancano le grandi arie e i duetti più divertenti, rivissuti e spiegati con tutti i loro sottotesti, in un susseguirsi di momenti divertenti ed emozionanti.

 

Chiude la stagione, lunedì 1 aprile, La Casa di Famiglia.

È una commedia scritta nel 2011 dal quartetto di artisti del Teatro Golden, capitanato dall’attore Augusto Fornari, che nel 2017 l’ha portata anche al cinema e adesso firma la regia dello spettacolo.

È la storia di quattro fratelli accomunati da una sola cosa: la casa di famiglia dove sono nati e dove hanno trascorso la loro infanzia. Il pasticcio inizia quando uno di loro, che ha urgente bisogno di soldi, convoca gli altri e annuncia di aver ricevuto un’offerta milionaria per vendere la proprietà.

Vai al Cartellone Teatrale
Vai alle Info sui biglietti/abbonamenti